Stadioradio

Il Locri batte il Gela, ma rimane il play out esterno con il c. di Messina

di Emilio Lupis  | 05/05/2019 in " Serie D gir. I "
566 letture | 0 commenti | 0 voti

Una vittoria che almeno dà morale, dato che dagli altri campi non sono arrivate “buone notizie”. Questa la sintesi della sfida del “Liotta” di Licata tra Gela e Locri. Particolare curioso è considerare come la stagione regolare di serie D, per il Locri finisca dove iniziarono le trasferte fuori regione, dalla rinascita del 2014. La partita inizia con un Locri volitivo e manovriero bravo ad occupare gli spazi e già in vantaggio al 12’, quando De Marco beve tre avversari e fa partire un fendente che si insacca alle spalle di Castaldo. Già al 14’ gli amaranto ci riprovano con uno scambio Trombino (tra i migliori) e Pannitteri murato in angolo sugli sviluppi del quale, proprio Trombino di testa manda fuori. Il Gela non è pervenuto per tutto il primo tempo ed ansi al 41’, Pannitteri costringe il portiere di casa a rifugiarsi in angolo.

 

Nella ripresa è altra musica, Il Gela aumenta i giri complice un dinamismo incredibile di Di Domenico. Tra 6’ e 7’ Ragosta ha due ottime occasioni, ma prima la palla va fuori, poi Pellegrino è bravissimo a rifugiarsi in angolo. Al 12’ il pari: Mengoli scende e pesca Mannoni che con una staffilata trova prima il legno e poi la rete. Al 23’ è ancora Di Domenico sugli scudi, tra l’altro l’ex Castrovillari va pure a concludere, bravissimo Pellegrino a respingere ed altrettanto bravo è Ragosta ad avventarsi sul pallone calciandolo, però, sul palo a colpo sicuro. Al 28’ ci sarebbe anche il vantaggio del Gela, ma il gol di Diame, pescato da Di Domenico, viene annullato. Al 44’ finalmente si fa vedere il Locri con una bella azione portata avanti da Caruso, con Mileto a salvare sulla linea. Il gol partita arriva al secondo dei 4’ di recupero. Punizione decentrata da oltre 20 metri e Trombino si conferma specialista, “annullando” la vittoria del Roccella sul Bari. Il play out, dunque, per il Locri sarà in trasferta col Città di Messina e per gli amaranto ci sarà l’obbligo di vincere per salvare la categoria.

 

Tabellino

 

Gela: Castaldo 6, Mengoli 6,5, Mileto 6, Di Domenico 7,5, Misale 5,5 (35’st Sowe sv), Brugaletta 6, Mannoni 6,5, Dieme 5,5 (39’ st Averi sv), Ragosta 6,5, Mauro 5 (38’ st Polito sv), Retucci sv (21’ Lavardera 5). All. Brucculeri 6

 

Locri: Pellegrino 7, Indelicato 6,5, Varricchio 6,5, Russo 6,5, De Marco 6,5 (32’ st Caruso sv), Larosa 6,5, Siano,5, Cosentini 7 (12’ st Costabile 6), Trombino 7, Condomitti 6,5, Pannitteri 6 (18’ st Carbone sv). All. Quattrone 7

 

Marcatori: De Marco e Trombino (L), Mannoni (G)

Ammoniti: Lavardera (G)

Arbitro: Piazzini (Prato). Assistenti: Battista e Cordella (Pesaro)


Tags : locri
ADISS

Inserisci qui il tuo commento


20/05/19 19:30 , di Bocca di Leone

AC LOCRI 1909: QUALE FUTURO ?


20/05/19 13:47 , di GiuseppeGiordanelli

Acri:"Felici ma pretendiamo rispetto"


19/05/19 22:33 , di emilio

ReggioMediterranea - Biancavilla


1

salvatore vellone

3537
2

FIAMMA

3311
3

pulicara

3253
4

celia

3157
5

ralphcraine87

3007
6

tonino61

2980
ABAMED
edilsud
TROIOLO
edilsud